• Redazione

Patrimonio e Territorio: "Come se in acqua stata non fosse" a Valbrenta

Sul sagrato della Chiesa di Valbrenta, che conserva la statua della Madonna del Pedancino, protagonista di questa narrazione, Paola Rossi e Carlo Presotto raccontano la storia della comunità locale, e in particolare il ritorno dei “profugati”, esattamente 100 anni fa. La Storia racconta che tutta la popolazione di questo territorio fu inviata in Sicilia insieme al loro simbolo sacro: la statua della Madonna del Pedancino, immagine miracolosa che da secoli la proteggeva. Prima di partire, però, chiesero di poter portare la statua della Madonna del Pedancino, un’immagine miracolosa che da secoli proteggeva il paese.

Il popolo di Cismon fu inviato in Sicilia, a Giarre, ma nella confusione di quei giorni, la statua della Madonna andò perduta, per esser poi fortunosamente ritrovata in un deposito ferroviario.

La statua non era nuova a queste avventure (fin dalla sua miracolosa/misteriosa apparizione), e, proprio per queste sue avventurose apparizioni, il suo culto si estese in Sicilia anche alle popolazioni locali.

Nel giugno del 1919 gli abitanti di Cismon fecero ritorno al loro paese, dopo più di un anno e mezzo in fuga dalla guerra, e con loro tornò anche la “Madonna profuga”; ma ad attenderli trovarono un paese distrutto…

Il recupero della memoria e la diffusione di questa tramite tecniche di arte contemporanea, come il video mapping, sviluppate da professionisti, ha raccontato la storia di quella comunità, partendo dalla memoria ancora viva e raccontata dagli stessi cittadini. Ad aiutare i due interpreti nel racconto, anche il Trio Canti Sognanti e l'Ensemble vocale Cantagaia diretti da Catherine Robin, la Banda Folk Castello Tesino e i figuranti di Lamon, i videofondali di Carlo Presotto, realizzati grazie alla consulenza storica e iconografica si Daniela Caenaro e Angelo Chemin.

[Azione A1: creazione di spettacoli / eventi / processi di valorizzazione del territorio]

Comunità Cultura Patrimonio

Un progetto sostenuto da Fondazione Cariverona, bando "Valore e Territori", che coinvolge una rete di Comuni e istituzioni, impegnati  nello sviluppo, attraverso iniziative culturali, di nuove risposte alla crescente esclusione dall'offerta culturale. 

Ref. Organizzativa di Progetto:
Angelica Basso
a.basso@comune.bassano.vi.it
+39 0424.519806


Ref. Comunicazione di Progetto
Greta Pieropan
g.pieropan@comune.bassano.vi.it 
+39 0424.519803

Seguici sui social!
  • Facebook
  • Instagram

© 2019 by Progetto Comunità Cultura Patrimonio. Proudly created by GP with Wix.comTerms of Use  |   Privacy Policy